La strategia del trading in controtendenza con le opzioni binarie

trading controtendenza opzioni binarie

Le opzioni binarie hanno una audace particolarità che rende interessanti questi istrumenti finanziari proprio quando, ad esempio nel Forex-Trading, per il rischio elevato non si aprirebbe ancora una posizioni. Per le opzioni binarie non esiste uno stopped-out e l’andamento della quotazione fino alla scadenza è in un certo senso non rilevante. I conti si fanno solo alla fine.

Nel tradizionale Forex-Trading o CFD-Trading il trader, anche a causa della leva spesso molto alta, solitamente deve assicurarsi tramite uno stopp-loss per limitare il rischio. Per le opzioni binarie non è cosi. Per queste opzioni „del tutto o niente“ valgono delle regole semplici e chiare. Alla scadenza l’opzione può trovarsi soltanto o „in the money“ o „out of the money“. Il che significa per il trader o un rendimento consistente o una perdita totale o una restituzione bassa in compenso.

The trend is your friend – why not bet on the end?

Ogni trader ha presente la sensazione che si trova osservando da giorni un mercato in rialzo o in ribasso. Si nota proprio l’avvicinarsi di una prossima inversione di tendenza o di una correzione più significativa. Magari, non ci fosse il problema del timing. Se con dei CFD o nel Forex-Trading si punta su un’inversione di tendenza, la conseguenza può essere un frequente e oneroso stopp-out. E ciò non necessariamente corrisponde alla gestione del rischio di numerosi trader. Quindi, per quale ragione non tentare con le opzioni binarie?

Trading in controtendenza con le opzioni binarie

Una tendenza giunta a piena maturità contenente il potenziale di un’eminente inversione di tendenza può farsi riconoscere in diversi modi: un volume limitato in casi di nuovi rialzi, divergenze tra gli indicatori e la quotazione (ad esempio nessun nuovo rialzo dell’indicatore nel caso di un rialzo del prezzo) per fare solo alcuni esempi. Intanto, gran parte dei trader utilizza dei chart-software che fanno da supporto a programmi appositi per la previsione delle tendenze. Gratuitamente, si propone ad esempio MetaTrader. In ogni caso, per quanto alle opzioni binarie è raccomandabile un software esterno dato che le charts dei broker binari spesso si rivelano insufficienti. Con un conto presso un broker per opzioni binarie si crea una flessibilità maggiore per reagire in modo flessibile a potenziali situazioni di inversione di tendenza. Se il DAX si sta avvicinando a una soglia importante (ad esempio al massimo storico) l’acquisto di una put-option può risultare più ingegnoso in confronto a un trade CFD con uno stopp stretto.

Importante è che si scelga per l’opzione una scadenza opportuna. Di norma vale: più incerta dovesse essere la situazione del mercato, più lunga dovrebbe essere la durata scelta per l’opzione. Ciò, per dare al mercato il tempo necessario a invertire la sua direzione. Nel caso in cui una correzione dovesse rivelarsi già estremamente in ritardo, in quanto tutti gli indicatori utilizzati lo stanno confermando, potrebbe essere eventualmente sufficiente anche una durata più breve.

Nel trading in controtendenza con le opzioni binarie il rischio risulta definito in modo chiaro e corrisponde nel caso peggiore all’importo investito. Per i limitati investimenti minimi richiesti di 10/25 Euro le opzioni binarie possono essere anche facilmente differenziate per mettere in atto una gestione dei rischi individuale.

>>> Broker opzioni binarie confronto

 


Cosa ne pensi? Lascia un commento!